lunedì 28 febbraio 2011

La Carbonara s'adda senti'.............


Dice.....com'ha da esse,la Carbonara?
Mmmmmmmmmmm,fece l'omino..
Semplice,rispose,s'adda senti' quanno che arriva ar tavolo!
Se deve da senti'? e come?che vor di?
Dunque,mo' te spiego......
Tu stai seduto ar tavolo,ascoltando li rumori de la cucina....
e er brontolio dello stomaco.
An certo punto senti...come le vosi delle sirene...none,mica quelle der 118!
Le sirene de Ulisse,te lo ricordi?
Dunque,senti ste voci melodiose,chiudi gli occhi e...pian piano cominci a senti'
er profumo der guanciale,dell'ovo,der pecorino e der pepe.
Cominci a saliva',sempre a occhi chiusi.
Quanno che c'hai la cuccumella davanti con la pasta fumante e la cominci a gira'....
e che te lo dico a fa'.....quer giallo,quer nero,cor pecorino bianco sur cucuzzulo come su na montagna.....
e la giri,la giri.....
ar primo boccone,se nun ce credi,comincerai a credere all'esistenza di Dio....perche'?
pasta ar dente,salsetta di uovo e pepe e pecorino romano e mettice il guanciale scrocchiarello
che lo vai a cerca' nel piatto,per questo ce ne va tanto!
Alla faccia di chi vorrebbe rovina' sto piatto de Dio con la pancetta e col parmigiano o facenno
coce l'ovo....brrrrrrrr
Inzomma,cari ragazzi,cosi' ha da esse la CARBONARA!
(Questa,amici,la mejio vista in rete.....guardate su: Giallozafferano!)

domenica 27 febbraio 2011

Ma dove sono le trattorie de 'na vorta?



AGUSTARELLO A TESTACCIO

Via Giovanni Branca, 100
00153 - Roma (RM) 

tel: 06.5746585



MANGIAR BENE E SPENDERE POCO

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

"La trattoria è un esercizio pubblico, prevalentemente di tipo popolare, destinato alla vendita e consumazione dei pasti in loco.
Alcuni di questi esercizi possono essere rinomati e ricercati per la qualità dei cibi e per la caratterizzazione, quasi sempre di cucina locale-regionale, delle preparazioni.
L'economicità dei prezzi praticati è una attrattiva di questi locali a cui fa riscontro una maggiore semplicità nel servizio e negli arredi, ma non nella qualità e quantità dei cibi offerti
che spesso è di ottimo livello."

Secondo voi,e' cosi' che dovrebbe essere?
Per me lo e'!
E' per questo che ieri,andando a pranzo in una fra le "mejo" trattorie romanesche(almeno di una volta),da Augustarello,
a Testaccio,leggendo la carta delle proposte culinarie,mi son soffermato a pensare:ma uno studente,un impiegato od un operaio
che a pranzo,invece del solito panino si volesse fare du' spaghi,ma ti pare possibile che come minimo debba spendere
come minimo 10 Euri per una semplice cacio e pepe?
Se ragioniamo,quanto puo' costare fare un piatto di pasta cacio e pepe?
Fate voi,per me,comunque,spendere dieci euro mi sa tanto di.......(sola?)
Ebbene si,tutti,dico tutti i primi stavano 10 euri....assurdo,no?
Dei semplici primi,non a base di pesce,dove i costi salgono notevolmente.
Mi sa che ci stiamo impazzendo...o sono io che sto invecchiando?
Non parlo per me,ma per tanti altri che vorrebbero esistessero dei posti(leggasi "trattorie"),dove ad un semplice mangiare
corrispondesse un giusto pagare..........vogliamo,per favore,creare un elenco di posti dove non si venga "spennati"?

Tornando ad Agustarello:tanta pasta,poco uovo,poco sapido,non pecorino ma un mix(....),cottura della pasta da dimenticare....Insomma,rapporto qualita'/prezzo sproporzionato(vero,caro Gusto?).

UNA DEBACLE!

Mie care trattorie de 'na vorta...esistete ancora?
se si,battete un colpo!
Enzo


http://www.facebook.com/topic.php?uid=38457194090&topic=15960



http://tavoleromane.wordpress.com/2011/02/04/trattorie-roma/